procedure di accesso al mercato tedesco

Procedure di accesso al mercato Tedesco

Procedure doganali
Procedure di importazione
Al momento dell’introduzione in Germania di merci di origine intracomunitaria, l’esportatore deve compilare alla fine del mese una dichiarazione di scambio di merci (DEB) o dichiarazione Intrastat.

Come parte degli standard SAFE promossi dall’Organizzazione mondiale delle dogane (WCO), l’Unione europea ha istituito un nuovo sistema di controllo delle importazioni, il “Sistema di controllo delle importazioni” (ICS) , che mira a garantire i flussi merci che entrano nel territorio doganale dell’UE. Questo sistema di controllo, che fa parte del programma comunitario ECUSTOMS, è in vigore dal 1 ° gennaio 2011. Da tale data, gli operatori sono stati obbligati a trasmettereuna dichiarazione sommaria di entrata (ENS) presso l’ufficio doganale del paese di entrata, prima dell’introduzione delle merci nel territorio doganale dell’Unione europea. La dichiarazione sommaria può essere fatta su un modulo fornito dalle autorità doganali. Tuttavia, le autorità doganali possono anche autorizzare l’uso di qualsiasi documento commerciale o ufficiale contenente le informazioni specifiche necessarie per identificare le merci.I prodotti importati devono essere accompagnati, oltre alla dichiarazione doganale scritta, con una fattura e talvolta un certificato di origine. Il Codice doganale modernizzato (MCC), entrato in vigore nel 2008, semplifica le procedure, ad esempio informatizzando e centralizzando le transazioni. Tuttavia, queste disposizioni sostanziali sono applicate solo dal 1 ° maggio 2016. Fino a tale data, il precedente codice doganale comunitario e le relative disposizioni di applicazione continuano ad applicarsi.

Dal 1 ° luglio 2009, tutte le società stabilite al di fuori dell’UE sono tenute ad avere un numero con l’operatore economico di registrazione e identificazione (EORI) per presentare una dichiarazione doganale.

Procedure di importazione specifiche
Differenti regimi doganali e fiscali sospensivi, per archiviare, utilizzare o trasformare i vostri beni esistono, consultare le pagine del sito Web doganale tedesco per ulteriori informazioni . L’uso del transito doganale è anche possibile sotto la copertura di un biglietto di transito esterno (T1).
Per essere informato su cosa è cambiato nelle procedure doganali , consultare le pagine del sito web doganale dedicato a questo argomento.Nel contesto del commercio intraeuropeo, alcune merci rimangono vietate o soggette a formalità specifiche (medicinali per uso umano, rifiuti, piante o animali vivi).
Importa campioni
Per l’importazione, l’esportazione e la riesportazione di campioni commerciali è possibile utilizzare il carnet ATA. Una voce sul prodotto deve dichiarare che si tratta di un campione gratuito e che non può essere venduto.

Per andare oltre, consultare il nostro controllo di importazione dei servizi e controllo delle esportazioni .

Dazi doganali e tasse sulle importazioni

Soglia doganale (da cui sono richiesti i dazi doganali)
150 EUR
Dazio doganale medio (esclusi i prodotti agricoli)
Gli scambi all’interno dell’Unione europea di merci provenienti da uno dei 28 Stati membri sono totalmente esenti da dazi doganali. Questi scambi consistono in forniture e acquisizioni intracomunitarie e non di esportazioni e importazioni.
I dazi per i paesi non europei sono relativamente bassi, soprattutto per i prodotti industriali (il 4,2% in media per la tariffa generale).
Prodotti soggetti a tariffe più elevate
I settori dei tessuti, articoli di abbigliamento (tariffe elevate e quote) e agroalimentare (tariffa media del 17,3% e molti contingenti tariffari, PAC) sono ancora soggetti a misure di protezione.
Le merci importate da paesi non UE sono soggette a una tassa sulla cifra di importazione pari all’aliquota IVA del 19% applicata ai prodotti nazionali.
Prodotti soggetti a tariffe inferiori
Concesso alle importazioni da paesi con i quali l’Unione europea ha firmato accordi commerciali.
Classificazione doganale
In pratica, è il codice TARIC (composto da 10 cifre) che consente di definire l’aliquota dei dazi doganali e le norme comunitarie applicabili all’importazione di un prodotto proveniente da un paese che non appartiene a l’Unione europea. Per conoscere la tariffa di un prodotto in base al suo paese di origine, è necessario consultare il database di TARIC .
Il metodo di calcolo dei dazi doganali
Ad Valorem sul valore CIF delle merci.
Il metodo di pagamento dei dazi doganali
Le tasse sono pagabili in contanti (in euro, con assegno, con vaglia postale, con bonifico); i termini di pagamento possono essere concessi tramite i sistemi di credito di raccolta o di credito autorizzato.
Tasse all’importazione (escluse le imposte sui consumi)
Nessuno. La Germania impone un’imposta sulla cifra d’affari dell’importazione pari al 19% (7% per i prodotti agricoli e altre eccezioni), con l’obiettivo di non penalizzare i prodotti tedeschi soggetti a un’IVA del 19%.

Trova i dazi doganali e le tasse locali che si applicano al tuo prodotto sul nostro servizio. Dazi doganali e tasse locali .

Regole di imballaggio e etichettatura

l’imballaggio
Deve rispettare la legislazione europea sulla prevenzione dei rischi per la salute dei consumatori e la protezione dell’ambiente, in particolare per quanto riguarda il trattamento dei rifiuti. Imballaggi di legno o di verdure possono essere soggetti a controllo fitosanitario.
La marcatura CE è obbligatoria nei paesi dell’UE per tutti gli apparecchi elettrici. Il Direttiva 2007/45 / CE concernente l’armonizzazione della confezione per vini e liquori in tutta l’UE.
Per ulteriori informazioni, consultare la sintesi della legislazione dell’UE in questo settore.
Lingue consentite su imballaggio ed etichette
Tedesco. Tuttavia, l’inglese è usato per dare un’immagine internazionale a un marchio. Ma fai attenzione alla confusione! Diversi studi hanno dimostrato le difficoltà dei consumatori tedeschi nel comprendere il significato di uno slogan in inglese.
Le unità di misura autorizzate
Sistema metrico.
La marcatura originale
Nessun obbligo tranne che per cibo e bevande alcoliche. In pratica il “made in” è un argomento commerciale ed è presente sulla maggior parte dei prodotti. L’accordo di Madrid prevede sanzioni in caso di informazioni errate sulla fonte.
Normative sull’etichettatura
Per ulteriori informazioni, consultare la descrizione della legislazione sull’etichettatura (in inglese) dell’agenzia di promozione delle esportazioni di Hong Kong.
Anche se non è obbligatorio, la marcatura ‘Punto Verde’ di riciclaggio che simboleggia, presente su tutti i prodotti venduti in Germania è un must.
Regolamenti specifici
La legislazione europea prevede norme specifiche di etichettatura per alcuni prodotti come il cibo, articoli per la casa, abbigliamento sportivo, tessuti, prodotti farmaceutici, prodotti chimici, ecc

Distribuisci un prodotto

La rete di distribuzione

Tipi di negozi

Kaufhäuser
Grandi magazzini generali, situati nel centro della città.
Kaufhof , Karstadt , Kadewe
Einkaufszentrum
I centri commerciali, situati nel centro della città, includono cartelli su superfici da 10.000m2 a 50.000m2.
Arcaden, Passagen , Square, centre
Textil-Kaufhäuser
Grandi magazzini specializzati in tessuti.
Peek & Cloppenburg , H & M , C & A
Fach-Kaufhäuser
Grandi magazzini specializzati: ad es. Elettronica, fai-da-te (Baumarkt).
Saturn , Media-Markt , Conrad Electronic , Bauhaus , Obi , Hellweg
Supermärkte
Supermercati, situati nel centro della città, specializzati in cibo.
Kaiser , MiniMal , Edeka , Rewe , Extra
Getränkemarkt
Supermercati specializzati in bevande, situati nel centro della città.
Fristo , Hol’ab
Biosupermärkte
Supermercati bio, situati nei centri città.
GPL-Biomarkt , Bio-Company , Naturkostladen
Märkte
Mercati ortofrutticoli, in centro, fuori o nelle sale.
Markthalle, frische Märkte
Einzelhandel
Piccoli negozi locali, negozi di alimentari, situati in centro, spesso specialità regionali (turco, italiano, greco).
Verdi
discounter
Hard sconto, situato nel centro della città e periferia.
Lidl , Aldi , Plus , Netto
Cash & Carry
Grandi aree e mercati prodotti freschi riservati ai professionisti.
Metro , Frische Paradies , Beussel Markt

L’evoluzione del settore retail

Crescita e regolamentazione
Con oltre 82 milioni di abitanti, il mercato al dettaglio tedesco è il più grande in Europa, con 90 milioni di US $ nel 2016 – una crescita del 7,6% dal 2012. Secondo Euromonitor, il mercato potrebbe rappresentano $ 103,2 milioni nel 2021, con una crescita del + 10,3%.
Supermercati sono stati il ​​formato leader negozio nel 2016 e avere la crescita più rapida tra il 2013 e il 2016, dovuto principalmente alla loro capacità di adattarsi ai cambiamenti sociali e dei consumi. Al contrario, il formato dell’ipermercato è stabile, sebbene popolare nelle aree rurali e periferiche, con un assortimento di prodotti più sviluppati e prezzi interessanti. Si noti che le vendite di prodotti non alimentari continuano a guadagnare quote di mercato, soprattutto negli ipermercati dove raggiungono il 31% delle vendite totali (questa percentuale è del 12% nei supermercati), che hanno compensato calo delle vendite prodotti alimentari.Il mercato per la grande distribuzione alimentare tedesco è concentrato, saturo ed è caratterizzato da una forte concorrenza con prezzi bassi, mentre i consumatori tendono a fare acquisti in formati più piccoli negozi, negozi di alimentari e negozi indipendenti. Questo è il motivo per cui i principali operatori al dettaglio hanno investito per modernizzare i loro negozi per far parte di questa tendenza. Secondo l’American Association of Food Export, non dovremmo aspettarci una forte crescita nei prossimi cinque anni tra gli attori tradizionali della distribuzione, per un settore considerato maturo.

La vendita al dettaglio su Internet continua a guadagnare quote di mercato tra gli operatori del mercato di massa, sebbene rimanga debole a causa dell’alta densità di negozi e del dominio del mercato da parte dei discount. In effetti, è più probabile che il consumatore tedesco scelga se stesso i prodotti che acquista, piuttosto che farlo da una terza persona. (Euromonitor)
Le principali aree di attività sono: Nord Reno, Vestfalia, Baden Wurtenberg, Baviera, Amburgo, Berlino, Hannover e Lipsia.

Quota di mercato
Secondo Euromonitor, la struttura della distribuzione tedesca è caratterizzata da:
– un forte livello di consolidamento del mercato
– il gran numero di piccoli negozi indipendenti
– il basso livello di concentrazione del mercato (rispetto ai principali mercati europei come la Francia, Regno Unito e Belgio)
– La predominanza della distribuzione nei centri urbani e nelle aree urbane;
– la debole attuazione del formato “ipermercato”, presente principalmente nelle aree rurali e periferiche.La distribuzione tedesca è suddivisa nei seguenti canali di distribuzione: commercio al dettaglio tradizionale (24,8%); Grandi aree specializzate (22%); Catene di negozi non alimentari (13%); Grandi magazzini fai-da-te (11,7%); Discounters (11%); Supermercati (7,9%); VAD (5,8%); Grandi magazzini (3,8%). Fonti: Ifo-Institute e destatis

Secondo l’associazione americana di esportazione dei prodotti alimentari, i primi cinque gruppi di distribuzione tedeschi sono Edeka, Rewe, Gruppo Schwarz, Aldi e Metro, che insieme rappresentano il 71% delle vendite a valore (Lebensmittelzeintung). “Hard discount” è il canale di distribuzione preferito, sebbene tutti i distributori si siano evoluti per soddisfare le nuove esigenze del consumatore tedesco in termini di qualità del prodotto, formato del punto vendita e esperienza di acquisto complessiva.
La spinta dei discount come Lidl o Aldi costrinse i distributori ad entrare in una guerra dei prezzi. Di conseguenza, i bassi margini hanno rallentato i progetti di modernizzazione dei negozi e lo sviluppo di nuovi concetti di vendita. Le relazioni tra distributori e produttori, già considerate difficili, sembrano tendenzialmente complicate.

Organizzazioni al dettaglio
Federazione tedesca del commercio al dettaglio
Associazione di commercio estero di distributori tedeschi

Intermediari commerciali

Società commerciali
  • Tipo di organizzazioni
In Germania, la maggior parte delle PMI utilizza tipicamente gli intermediari per operare in un mercato indipendente. Gli intermediari più importanti sono franchisee, agenti di vendita e distributori. Mentre le grandi aziende passano attraverso gli acquisti centrali.
  • I principali attori
I principali attori nella distribuzione agroalimentare sono  Edeka , Rewe e Aldi . La più grande catena di prêt-à-porter è C & A , mentre Obi domina il fai -da- te.
grossisti
  • Tipo di organizzazioni
In Germania ci sono tre tipi di vendita all’ingrosso: cash and carry, wholesale per gruppo di acquisto (Zustellgrosshandel), e all’ingrosso di massa (Grossverbraucherzustelldienst) che è destinato a grandi aziende.
  • I principali attori
Edeka , Rewe , Aldi Nord, Aldi Sud , Markant (gruppo di acquisto cooperativo nei grandi dettaglianti generali), Metro (grandi dettaglianti generali).
Risorse utili
Associazione per la promozione degli interessi dei grossisti di Germania
Federazione tedesca del commercio all’ingrosso, commercio estero e servizi

L’agente commerciale

I vantaggi
Pagato su commissione, non rappresenta un costo fisso.
Punti di vigilanza
Gli agenti sono multi-card e si concentreranno sui prodotti che vendono più facilmente.
Elementi di motivazione
Partecipazione agli utili sul fatturato.
La commissione
20%
La violazione del contratto
Consulta qui un modello di contratti . La direttiva europea 86/653 / CEE stabilisce un livello minimo di protezione per gli agenti commerciali.
Trova un agente commerciale
Organizzazione di agenti di vendita

Maggiori informazioni sulla pagina “Traders, Agents in Germany” di Globaltrade.net, la Directory per i fornitori di servizi di commercio internazionale.

Crea una business unit

I vantaggi
L’implementazione in loco rassicura i potenziali clienti perché mostra un impegno a lungo termine.
Punti di vigilanza
Prestare attenzione ai costi fissi: affitto, salari, automobili per i venditori.
Le diverse forme di possibile impianto
  • L’ufficio di rappresentanza
Temporaneamente preliminare, meno ingombrante da gestire in caso di recesso in quanto nessuna società di diritto tedesco.
  • Il ramo
La filiale è il modo più rapido per avviare un’impresa per un operatore straniero, tuttavia presenta degli svantaggi. In effetti la responsabilità della casa madre è pienamente impegnata per le operazioni della filiale. Inoltre, nel calcolo delle imposte e delle passività possono essere sostenuti costi di transazione lunghi e considerevoli con le autorità fiscali.
  • La compagnia
Società di diritto tedesco. Più pesante da gestire ma più rassicurante nei confronti dei clienti.

Il franchising

L’evoluzione del settore
Il mercato in franchising in Germania ha rappresentato un fatturato di 103,9 miliardi di euro nel 2016, in crescita del 4,8% rispetto al 2015 (Germania Trade and Invest.). Il numero di reti di franchising in Germania è stato stimato a 950 nel 2016, con circa 120.000 negozi indipendenti e 700.000 dipendenti. I principali settori di attività nel 2016 sono stati: il 39% nel settore dei servizi, il 30% nel settore alimentare, il 22% nel turismo e il 9% nel commercio specializzato
Grandi negozi in franchising
Cosa , vari prodotti
Kamps , pasticceria Mc Donald’s , Spar fast food, cibo Ikea , mobili
Per maggiori informazioni
Federazione tedesca del franchising
Commercio e investimenti Federazione europea tedesca del franchising

Trova aiuto

Società commerciali specializzate in import-export
Agenzia di promozione degli investimenti in Germania
Risorsa raccomandata
Portale commerciale della Germania

Vendita a distanza

L’evoluzione del settore
La Germania è uno dei mercati più importanti in termini di vendite dirette. Il fatturato delle vendite dirette in Germania è stato pari a 8,4 miliardi di USD nel 2016 (+ 4,3% rispetto al 2015 e + 5,2% negli ultimi tre anni). Circa 376.000 persone sono impiegate nel campo delle vendite dirette in Germania.Oltre l’80% delle aziende tedesche utilizza il direct marketing. I formati più frequentemente usati sono email e marketing su Internet, marketing telefonico (31%) direct mail (24%) e vendite di cataloghi. Inoltre, i tedeschi apprezzano particolarmente le vendite di case come un modo per creare legami sociali.

Le aziende che utilizzano il marketing diretto devono rispettare rigorose regole in materia di protezione dei dati, tutela dei consumatori e pubblicità. La nuova legislazione europea è applicabile dal 13 giugno 2014 (direttiva sui diritti dei consumatori). L’UE applica l’IVA alle vendite, da parte di società non appartenenti all’UE, di servizi forniti elettronicamente a persone che vivono nell’UE.

In Germania, i principali attori della vendita diretta sono Otto , Quelle , Karstadt-Quelle ,Neckermann , Klingel , Schwab , Heine , Conrad , Baur .

Chi ha letto questo articolo ha letto anche:

Aprire attività in germania

aprire attivita in germania

Eurotrend Agency è l’agenzia che ti apre le porte dell’ germania offrendo: Apertura di un conto corrente Realizzazioni di una rete vendita Epandere la tua attività in Germania Apertura di…

Creare una società nella germania del 2022
Vendere all’estero prodotti italiani
Menu
Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
Apri Chat
Salve 👋. Desideri aprire in Germania una ditta o conto corrente? Puoi chiedermi o chiamarmi direttamente su WhatsApp! Siamo Italiani che vivono in Germania 🇮🇹 + 🇩🇪 (chiamata senza impegno)
🇮🇹 Chiama Ora